martedì 28 dicembre 2010

TRONCHETTO DI NATALE; IL BÛCHE DE NOËL

Anche International food non poteva sottrarsi agli auguri di fine anno, il modo migliore per farlo? attraverso una dolce ricetta natalizia. Il tronchetto di natale, stessa base della girella, ha radici molto antiche che affondano nella tradizione agreste francese.
Si narra che i vecchi contadini della Francia usavano mettere sul fuoco un bel pezzo di legno nel giorno della vigilia e che questo, per tradizione, avrebbe dovuto ardere fino alla notte di capodanno, se ciò si realizzava allora era di buon auspicio per il nuovo anno.

Come gran parte delle leggende legate alla festa del natale, anche questa storia ci riporta non solo alle origini pagane ma anche a vicende connesse alla povertà dei contadini del passato, abituati a viveri di stenti durante il resto dell’anno. A suon di motto “si rallegri il ceppo, domani è giorno del pane” il capofamiglia incendiava il legno e dava avvio alla festa più  bella dell’anno.
Nella tradizione francese si narra una favola legata al bûche de noël che avrebbe lo scopo di rievocare in tutti lo spirito natalizio. Secondo la favola la creazione di questo dolce sarebbe frutto dell’opera di una bambina, figlia di un boscaiolo e di una pasticcera. Spendendo gran parte della giornata in litigi, i genitori fecero in modo che la figlia si armasse di buona volontà e dimostrasse che c’è sempre qualcosa di piacevole che unisce due persone apparentemente incompatibili, in questo caso qualcosa di “molto” dolce.
A onor del vero bisogna dire che il dolce è una creazione dei grandi pasticceri francesi. Quando Napoleone I ordinò la chiusura dei camini proprio nel periodo invernale fecero per la prima volta la loro comparsa questi dolci tronchetti nelle case francesi, in ricordo del pezzo di legno che per secoli si era lentamente consumato nelle maisons della nazione. Oggi durante il periodo natalizio nelle pasticcerie francesi se ne trovano anche in formato mini, molto carini ed adatti ai bambini.
Col passar degli anni l’usanza ha investito anche altri Paesi nordici nonchè la nostra Italia nella quale l’influenza del Cattolicesimo ha giocato il suo ruolo predominate. In seguito al segno della croce il tronchetto veniva cosparso di vino rosso per evocare il rito della Messa.
Tradizioni a parte una cosa è sicuramente rimasta oggi, la consapevolezza che il Bûche de Noël è proprio un dolce buonissimo!

Ingredienti per 6:
Burro 60 gr.
Farina 160 gr.
Zucchero 160 gr.
Uova 8
Vanillina 1 busta
Cioccolato fondente 500gr.
Cioccolato al latte 250 gr.
Panna da montare 250 gr.
Lievito per 1 cucchiaino

Procedimento:
Le uova vanno divise, rosso dal bianco. Facciamo una spuma con lo zucchero e il burro e poi incorporiamo i rossi d’uovo uno alla volta continuando a montare a bassa intensità. Montiamo a neve i bianchi d’uovo con un pizzico di sale e teniamo da parte. Al composto di uovo uniamo le parti secche setacciate; farina, lievito e vanillina. Per ultimo l’albume montato a neve sempre facendo attenzione a non smontare il composto.
Prendiamo una teglia, foderiamola con carta forno e stendiamo il composto tutto in uno strato livellato. Mettiamo in forno solo 15 minuti a 185°.
Nel frattempo sciogliamo a bagnomaria il cioccolato fondente e montiamo la panna montata. Uniamo poco alla volta il cioccolato alla panna montata e teniamo da parte in frigo.
Trascorso il tempo di cottura dell’impasto sforniamo, togliamo la carta e aiutandoci con un canovaccio arrotoliamo il dolce ancora caldo. Lasciamo raffreddare.
Sciogliamo sempre a bagnomaria il cioccolato al latte e lasciamolo in caldo. Prendiamo il rotolo raffreddato e cospargiamo in modo uniforme al suo interno la crema tenuta in frigo, compattiamo nuovamente e versiamo sulla superficie esterna il cioccolato al latte (deve risultare denso e quindi non caldissimo altrimenti tende a penetrare nel dolce). Pratichiamo delle linee sulla superficie, aiutandoci con un bastoncino in legno, in modo da ottenere le incanalature tipiche del tronchetto.
Questa versione è sicuramente più veloce e facile di quella classica, comunque volendo potete ricoprire il dolce con una ganache al cioccolato. Da questa base ovviamente se ne possono ricavare decine di rivisitazioni persino alla frutta, sbizzarrite la fantasia!
Possiamo decorarlo a piacere con foglie e pezzetti di abete. Per l’effetto neve basta usare panna spray……………così come nella foto.
Per quest’anno è tutto! Questa nuova esperienza da foodblogger è stata una scoperta davvero piacevole e ringrazio tutti gli affezionati per le visite, sebbene il blog abbia circa 3 mesi di vita i numeri sono stati molto incoraggianti, tanto da poter progettare ed ipotizzare qualcosa di più per il prossimo anno, ma non anticipo nulla.
International Food vi augura un 2011 dolce e gustoso!
AUGURI!

7 commenti:

  1. Ciao,
    il tuo tronchetto sembra proprio goloso!
    Ora seguo il tuo blog, se vuoi passa a trovarmi :)
    Buona giornata
    Cristina

    RispondiElimina
  2. + un tronchetto bello d a vedere che arricchisce oltre il palato anche la cultura gastronomica bbbbravaaaa

    RispondiElimina
  3. tanto auguri di Buon Anno e complimenti per il tronchetto cosi ricco di cioccolato

    RispondiElimina
  4. grazie ad anonimo un commentino molto simpatico!

    Grazie Gunther quando ci sono le feste ai grassi si smette di badare!

    Grazie Cristina sono passata!

    RispondiElimina
  5. il tronchetto di natale rimane sempre il dolce mio preferito di queste feste.complimenti! tanti auguri!

    RispondiElimina
  6. Questo tronchetto di Natale ha un aspetto molto invitante. Con tutto quel cioccolato poi è veramente godurioso.
    Complimenti anche per tutte le altre ricette!!

    RispondiElimina
  7. Grazie Roberta...allora ti aspetto ritorna!

    RispondiElimina

Le buone parole valgono molto e costano poco.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...