sabato 11 maggio 2013

PASTICCIOTTI MORBIDOSI e W LA MAMMA



Si lo so, ormai parlo come i personaggi di tutti quei cartoon che dalla mattina alla sera sono, anzi siamo (io e mio marito), costretti a subirci! Ora di pranzo: amore è pronta la pappa  (e parlo con il papà però!), ti stiro la magliettina? (e parlo sempre con il papà), vado a fare la nanna sono stanca (e parlo di me!). Venerdì verso le 21.30 ci siamo guardati e ci siamo detti: possibile che a quest’ora ancora stiamo vedendo peppa pig??? Non esiste più il momento del film serale, ma neanche il tg è possibile perché la Televisione ci aiuta a sfamare i nostri piccoli velocemente e superare il "momento-tragedia" degli spinaci se ipnotizzati dai loro personaggi preferiti! Ma gli permettiamo tutto e senza peso, basta vederli sorridere e non c’è film “da grandi” che tenga in confronto. Poi penso che mia mamma ha ripreso a guardare la televisione verso i nostri 15-16 anni, quando è cominciata l’era delle uscite serali con le comitive. Potrebbero andare in un’altra stanza a vedere il televisore, ma i genitori non lo fanno, perché pur di starti vicino subiscono programmi per loro senza il minimo interesse, lo fanno perché stare accanto ai propri figli, in ogni momento della giornata, è ciò che più desiderano! Così anche io mi preparo a ritornare bambina ed affrontare lunghi anni di cartoon, morali infantili (non nel senso offensivo del termine bensì basilari), personaggi inventati, animali che parlano, luoghi assurdi, tralasciando domande che non avranno mai risposta tipo: perché in peppa pig tutti gli amici della maialina protagonista sono animali che parlano e vanno a scuola, lavorano e giocano mentre quando va al parco le papere sono proprio papere??? Loro non hanno subito l’umanizzazione? Boh! Spero che mio figlio un giorno non mi faccia mai questa domanda e non mi chieda mai il motivo, una mamma dovrebbe sempre avere una risposta a tutto, dovrebbe essere bionica, un computer che non stacca mai la spina, la fonte inestimabile dell’amore e del sapere per il proprio figlio, ma se mai dovesse farmi questa domanda allora tutte le mie certezze potrebbero crollare!!! Scherzi a parte, auguri a tutte le mamme, alla mia, alle vostre, ma soprattutto A ME! e concedetemelo vi prego, tutte le mamme sono speciali, ma quelle di bimbi dai 0 ai 3 anni meritano un plauso in più e tutta la mia solidarietà!

Ingredienti:
350 gr. di farina setacciata
50 gr. farina di cocco
3 uova
100 gr. di zucchero
100 gr. di zucchero di canna
1 bustina di lievito
100 gr. di burro
1 cucchiaio di cacao in polvere
7 fragole grosse
mezzo bicchiere di latte
panna da montare 150 ml.
fragole 100 gr.
Procedimento: Montate lo zucchero con il burro ammorbidito e poi unite i tuorli uno alla volta continuando a mescolare. Montate a neve le chiare d'uovo, poi incorporate al composto di uova e burro la farina setacciata con il cacao e la bustina di lievito. Frullate le fragole ed unitele alla base, poi il latte ed infine incorporate gli albumi d'uovo ovviamente senza smontarli. In una teglia rettangolare imburrata versate il composto e mettetelo in forno a 180° per almeno 30 minuti ma controllate con uno stecchino la cottura.

Lasciate raffreddare la torta poi tagliatela a metà e farcitela con uno strato bello alto di panna montata e pezzi tagliati delle fragole rimanenti. richiudete, la parte esterna della torta dovrebbe combaciare internamente quindi fate attenzione a capovolgere la calotta. Compattate bene e tagliate tanti quandrotti di uguale dimensione. A questo punto spennellate la fettina con il latte in modo che la granella di cocco aderisca bene e maneggiate con cura perchè la base è molto friabile.

6 commenti:

  1. Le foto sono allettanti e desiderabili,spero(per equità)che lo stesso commento sia utilizzato per la festa del"PAPA"......Da quel che ho letto anche il papa è vittima(per amore)di Peppa-pigg.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora prometto un bel post anche per la festa del papà ;)

      Elimina
  2. Un'altra ricetta appetitosa ed invitante, un'altra prelibatezza da preparare ma sopratutto da assaporare. Non sono ancora una mamma ma tutti conosciamo l'importanza dei sacrifici di una madre. Per questo, anche se con qualche giorno di ritardo, un grande augurio a tutte le mamme. Auguri alla mia, ma auguri anche a te che siete come delle eroine agli occhi dei vostri piccoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille ma che bel commento! sono sicura che un figlio arriverà anche per te e allora scoprirai la gioia di essere mamma e "eroina" per la tua creatura! grazie ancora bacioni!

      Elimina
  3. Uhmmm ma che bontà questo dolcetto qua :-) Passa a visitare anche il mio sito, ti apettooooo http://la-cucina-di-elisa.blogspot.it/

    RispondiElimina

Le buone parole valgono molto e costano poco.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...